Ti sei abbonato con successo a Storie di quasi natale
Grande! Successivamente, completa il checkout per l'accesso completo a Storie di quasi natale
Ben tornato! Hai effettuato l'accesso correttamente.
Successo! Il tuo account è completamente attivato, ora hai accesso a tutti i contenuti.
Successo! Le tue informazioni di fatturazione sono state aggiornate.
Aggiornamento delle informazioni di fatturazione non riuscito.

La seconda vita di Beatrice

La seconda vita di Beatrice

Quasi uccisa dal fidanzato violento, oggi è volontaria per un'associazione di pubblica assistenza

Il 4 giugno 2019 Beatrice Fraschini è arrivata al pronto soccorso del Policlinico piena di fratture e lividi. Viva per per miracolo dopo essere caduta dal balcone del secondo piano per sfuggire al suo fidanzato-aguzzino che l'aveva tenuta segregata in casa, in via Biella, al quartiere Barona, picchiandola per quattro giorni. Ora la ragazza, di 27 anni, è rinata: si mostra libera e sorridente, invita le donne vittime di violenze a uscire dall'incubo. Si ritiene una miracolata e dice di voler restituire il bene ricevuto: è sempre pronta ad aiutare gli altri nei panni di volontaria-soccorritrice della Croce Verde Baggio. “Quello che è successo a me non deve mai più accadere”. Il suo aguzzino, Giacomo Oldrati, arrestato dopo il fatto, è stato condannato a 6 anni di carcere. Affetto da disturbi psichici, è noto come “Guru del corallo” perché in passato drogava le sue vittime con una sostanza ricavata dai funghi del corallo.

video